English Danish Dutch French German Italian Russian Spanish Swedish

Gastronomia del Trasimeno PDF Stampa E-mail

Sanguineto_Gastronomia Come in ogni altro posto d’Italia che si rispetti, anche qui la cucina la fa da padrone con diversi prodotti locali, che vanno dai legumi, al pesce , al dolce.

Si parte dalla fagiolina, una varietà locale di fagiolo dall’occhio (di dimensioni ridotte), un prodotto eccellente che negli ultimi decenni ha rischiato di scomparire dalle nostre tavole, ma poi dal 2002 è nato addirittura il Consorzio Fagiolina del Lago Trasimeno, passando per una spezia: lo zafferano, dove coltivazioni degne di nota si trovano nell’area di Città della Pieve.

Approdando ad un bel piatto di pici (grossi spaghetti), fatti con un impasto di acqua e farina tagliato a piccole porzioni e poi assottigliato con le mani ed arrotolato sopra una spianatoia, contornandolo con del tartufo.

Passando per il pesce, ovviamente di lago, con il caratteristico tegamaccio: è un pesce in umido (anguille, persico reale, luccio, tinca, persico sole) tagliato a pezzi unito agli odori ed al pomodoro cotto in un tegame di coccio (da qui il nome tegamaccio) . Ideale è accompagnarlo con delle fette di pane leggermente tostate e leggermente cosparse di aglio.

Ottime sono anche la torta al testo, fatta con farina, acqua e lievito cotta sul testo ideale con gli affettati e la torta di pasqua (al formaggio), immancabile nelle nostre tavole per la colazione pasquale.

Fino ad arrivare al dolce: il torciglione, a forma di un lungo serpente sottile che viene presentato acciambellato a spirale. Gli ingredienti utilizzati sono zucchero e mandorle tritate, poi decorato con confetti, coriandoli e pinoli. E’ il tipico dolce di Natale.

Le prelibatezze non mancano e in molte taverne ed osterie è possibile assaporare questi gustosi piatti.